“Caro lettore ti presento…”

giorgia intervista
Giorgia Onano, libraia presso le librerie Giunti al Punto di Cagliari.

Come ogni Giovedì, torna l’appuntamento con la nostra rubrica “Caro lettore ti presento…”! Oggi vi facciamo conoscere Giorgia, libraia presso le Librerie Giunti al Punto di Cagliari, che ci ha offerto tanti consigli e spunti molto interessanti! Buona lettura!

Nome e cognome

Giorgia Onano.

Per quale libreria lavori?

Come canterebbe Patty Pravo “oggi qui,domani là!…”. Non ho ancora una sede fissa, giro per le librerie Giunti di Cagliari, che in tutto sono quattro.

Da quanto fai questo lavoro?

Da circa tre anni.

Com’è nata la tua passione per la lettura?

È iniziato tutto coi racconti che leggeva mia madre e che io imparavo a memoria, ma il mio primo grande amore è stato per i libri di Bianca Pitzorno, primo fra tutti “Ascolta il mio cuore”.

ascolta il mio cuore
Tra i libri a cui Giorgia è maggiormente affezionata c’è “Ascolta il mio cuore” di Bianca Pitzorno, una delle autrici di letteratura per ragazzi più amate anche da Microcosmi!


Casa editrice preferita?

Non ne ho una, leggo per autore o per argomento, punto direttamente al contenuto.

Quanto incide la copertina sulla scelta del libro?

Potrei rispondere come sopra, l’apparenza inganna! Di sicuro prediligo copertine sobrie, possibilmente con immagini astratte o disegnate. Continua a leggere ““Caro lettore ti presento…””

Annunci

L’alfabeto di Microcosmi: B

image

È mercoledì e torna la nostra rubrica che associa ad ogni lettera dell’alfabeto un pensiero e una citazione di un libro. Oggi siamo alla lettera b e d’istinto ho pensato a lei, alla bellezza. Una parola che rievoca un’idea e un’immagine ben precisi in base al vissuto di ogni persona. Così, contrariamente a qualsiasi arrogante concetto universale di bellezza e in opposizione a qualunque canone estetico che ad essa si è voluto presuntuosamente associare, vi propongo la mia visione della bellezza. Ed il collegamento al libro di Voltaire risulta per me naturale, quasi necessario. Buona lettura 🙂 Continua a leggere “L’alfabeto di Microcosmi: B”

BOOKS&FOOD: Thomas Mann – I Buddenbrook

Paola Mann
Thomas MANN – I Buddenbrook (Prima pubblicazione: 1901). Accanto trovate il  Plettenpudding rivisitato di Paola!

Scriveva Virginia Woolf che non si può pensare bene, né amare bene, né dormire bene se non si è pranzato bene. E i libri, si sa, sono il cibo per l’anima e per la mente. Allora mettiamoci comodamente seduti e gustiamoci la lettura con del buon cibo che al nostro libro ci porta. Siamo partiti con il retrogusto esotico di “Gabriella garofano e cannella”, mentre quest’oggi voglio portarvi a Lubecca, nella Mengstrasse ovvero la via dei ricchi, alla tavola della famiglia Buddenbrook. Ci sediamo con loro al banchetto organizzato per inaugurare la casa appena comprata e vediamo un via vai di cibi ottimi e vini squisiti. “Dopo una minestra di erbette con pane tostato ecco comparire un colossale prosciutto impanato color rosso mattone, affumicato, cotto, accompagnato da una salsa di scalogni marrone acidula e una tale quantità di verdure che un’unica terrina avrebbe potuto saziare tutti…e ancora il piatto forte della moglie del console Buddenbrook: la terrina alla russa”. Per finire “in due grandi coppe di cristallo arrivò il Plettenpudding, un composto di amaretti, lamponi, pan di Spagna e crema all’uovo a strati”.
Continua a leggere “BOOKS&FOOD: Thomas Mann – I Buddenbrook”

BOOKS&FILM: TRUTH – Il prezzo della verità.

truth foto 1 solo blanchett
Cate Blanchett, due volte premio Oscar come miglior attrice, veste i panni di Mary Mapes, produttrice e giornalista della CBS.

A poche settimane di distanza da “Il caso Spotlight”, ottima pellicola incentrata sul giornalismo investigativo di cui Microcosmi ha già avuto modo di parlarvi in un precedente articolo, è arrivato nelle sale italiane “Truth – il prezzo della verità”, scritto e diretto da James Vanderbilt. Il film, che vanta un cast di tutto rispetto, si concentra su un’inchiesta condotta nel 2004 per la CBS News da Mary Mapes, produttrice televisiva molto apprezzata per le sue scomode indagini giornalistiche. Ad affiancare la Mapes, magistralmente interpretata da una strabiliante e bellissima CATE BLANCHETT, fu Dan Rather, storico conduttore e anchorman di lungo corso del canale televisivo americano, un decano del giornalismo stimatissimo dai colleghi e interpretato da un perfetto ROBERT REDFORD che, a un passo dall’ottantesimo compleanno, ha regalato al pubblico un’altra prestazione attoriale di indubbio livello.

truth foto 3 blanchett e redford
Una scena di “Truth” che ritrae Cate Blanchett in compagnia di Robert Redford, attore e regista americano tra i più amati di sempre.

L’inchiesta che costituisce il fulcro del film di Vanderbilt si svolse a pochi mesi di distanza dalle elezioni presidenziali che avrebbero consegnato a George W. Bush il secondo mandato alla Casa Bianca e costituì il tentativo riuscito di dare forma ad una vera inchiesta televisiva attorno ad alcuni documenti che Mary Mapes aveva già tentato di reperire nel 2000, una manciata di settimane prima delle elezioni che avrebbero sancito la prima vittoria di Bush con un distacco irrisorio dallo sfidante democratico Al Gore. Il film suggerisce che qualora l’inchiesta – interrottasi bruscamente a causa di un grave lutto che colpì la Mapes – si fosse conclusa già nel 2000, Bush Jr. non sarebbe mai arrivato a varcare la soglia della Casa Bianca da Presidente.  Continua a leggere “BOOKS&FILM: TRUTH – Il prezzo della verità.”

PAOLO RUMIZ – E’ Oriente

rumiz
Paolo RUMIZ- Trans Europa Express (Feltrinelli, prima ed. Ottobre 2012) e E’ Oriente  (Feltrinelli, prima ed. Marzo 2003).

“Mi chiedo se la forza del racconto non nasca nell’uomo da millenni di cammino, se il narrare […] non nasca dall’andare”. A scrivere queste parole è Paolo Rumiz, giornalista e scrittore, nonché infaticabile viaggiatore. Rumiz ha la capacità di dipingere le tappe del suo cammino con straordinaria vivezza, e del resto è l’autore stesso a spiegarci il segreto di questa sua prosa poetica che conquista il lettore rendendolo partecipe di un periplo attorno al mondo di incredibile fascino: “Se sto fermo non ho idee. Se parto i pensieri arrivano e le cose accadono”.  In questo libro sono raccolte alcune delle esperienze compiute dal giornalista triestino tra il 1999 e il 2001, parentesi di viaggio concesse e anzi incoraggiate dai colleghi de  “la Repubblica” che hanno portato Rumiz nel cuore della Mitteleuropa, nei territori lungo i quali correva l’immaginaria cortina di ferro e non solo. Viaggi questi compiuti in bicicletta, su una chiatta lungo il corso del Danubio, in auto o a bordo di treni appartenenti a un passato oggi dimenticato dai più, un passato intriso della miseria contadina dell’Est Europa ai tempi della dominazione sovietica. Continua a leggere “PAOLO RUMIZ – E’ Oriente”

“Caro lettore, ti presento…”

marta maddalena gamba
Marta Maddalena Gamba

Torna l’appuntamento con la nostra rubrica “Caro lettore ti presento…”. Oggi Microcosmi vi fa conoscere Marta Maddalena Gamba, libraia presso la Mondadori della centralissima Piazza Stradivari a Cremona. Prendete carta e penna perché, come sempre, non mancheranno nuovi spunti e consigli di lettura!

Nome e cognome:

Marta Maddalena Gamba.

Per quale libreria lavori:

La libreria Mondadori di Cremona.

Da quanto tempo fai questo lavoro?

Ho iniziato come collaboratrice nell’inverno del 2008, per poi diventare a pieno titolo  libraia nel 2013.

Come è nata la tua passione per la lettura?

Devo ammettere che il rapporto con la lettura è stato caratterizzato da un inizio travagliato: leggiucchiavo i libri che mi venivano regalati e quelli che mi davano come compito a scuola, ma senza grande entusiasmo. La scintilla si è accesa poco a poco mentre passavo davanti agli scaffali colmi di libri che i miei genitori avevano allestito nella nostra mansarda. Centinaia di titoli: romanzi, libri tecnici, saggi… Il pungolo della curiosità mi ha spinta verso il primo libro della mia vita scelto in totale autonomia: da lì è stato un continuo crescendo, che ha trasformato la curiosità in piacere, e il piacere in passione.

collage MMG
Tra i titoli preferiti di Marta ci sono “Il maestro e Margherita” del grande scrittore russo Michail Bulgakov (prima edizione: 1966) e “Dell’amore e di altri demoni” di Gabriel Garcìa Màrquez, la cui prima edizione risale al 1995.

Quali sono i tre titoli che consiglieresti maggiormente ai tuo lettori?

Il primo libro che proporrei è “Il Maestro e Margherita” di Michail Bulgakov. La letteratura russa è un universo tutto da scoprire, e la mia iniziazione è avvenuta proprio con questo libro. Atmosfere surreali e roboanti, personaggi incisivi e graffianti per chi desidera una lettura fuori dagli schemi, e per chi ricerca il fascino della satira politica e dell’atmosfera degli anni Trenta. Continua a leggere ““Caro lettore, ti presento…””

L’alfabeto di Microcosmi: A

image.jpeg

L’alfabeto di Microcosmi” è una rubrica in fase di sperimentazione che si ripropone di associare ad ogni lettera dell’alfabeto una parola, un pensiero ed una citazione di un libro. Ispirandosi allo stream of consciousness del grande James Joyce, “L’alfabeto di microcosmi” vi proporrà pensieri grezzi e non rielaborati, frasi che dal pensiero verranno trapiantate direttamente sul foglio bianco, ancora nel loro stato embrionale.
Si tratta di un punto di vista che spesso, con amarezza, sfiderà i luoghi comuni e le opinioni socialmente condivise. Altre volte invece si lascerà semplicemente andare alla bellezza disarmante delle cose che ci circondano.

Buona lettura. Continua a leggere “L’alfabeto di Microcosmi: A”

MARIA PEROSINO – Io viaggio da sola

Perosino
Maria Perosino – Io viaggio da sola (Einaudi 2012, € 10)

Qual è per una donna il modo più semplice, funzionale e piacevole di viaggiare da sola? Come scegliere i ristoranti giusti e respirare a pieni polmoni l’atmosfera di una città sconosciuta facendosela subito amica? Come muoversi tra le vie affollate e caotiche di una grande metropoli? E poi, ancora, quali sono gli accorgimenti più semplici e solo apparentemente banali per intrattenere sin da subito un rapporto familiare e intimo con i luoghi che si incontrano lungo il proprio percorso? Con “Io viaggio da sola” Maria Perosino ha cercato di dare una risposta a queste e a molte altre domande. In questo piccolo diario di viaggio l’autrice ci svela molto di sé, dalla scomparsa prematura del marito alle sue abitudini di viaggiatrice, dalle sue vicissitudini di donna e di professionista al suo non certo comune amore per i viaggi in treno.

“Le stazioni sono ripostigli in cui si accatastano i viaggi […] e le stazioni in fondo sono storie, le storie sono la loro archeologia. Storie di nomadi a tempo determinato, ognuno con il suo qui e ora, con la sua ‘second life’ portatile da mettere in scena in quell’attesa che si ripete ogni giorno ma si ostina a rivendicare il suo essere estranea alla quotidianità”. Continua a leggere “MARIA PEROSINO – Io viaggio da sola”

SUFFRAGETTE – IL FILM. Riflessioni (antiretoriche) sul tema.

suffr 2
La bravissima  Carey Mulligan veste i panni di Maud Watts, qui in una scena del film con il marito Sonny Watts interpretato da Benjamin John Whishaw.  

Questo non è un articolo femminista a tutti i costi. E nemmeno un esercizio di dialettica politica. Né, tantomeno, un soliloquio intriso di retorica a buon mercato. E quindi che cos è? E’ – più semplicemente – il racconto di un film – Suffragette – e delle emozioni che mi ha suscitato.

Questa pellicola girata nel 2014 e ambientata a Londra – alcune scene sono state girate all’interno del Parlamento inglese – racconta la storia del movimento suffragista britannico che a cavallo tra il primo e il secondo decennio del XX secolo lottò con perseveranza e convinzione per veder riconosciuto alle donne il diritto di voto. A ispirare le suffragette – termine inizialmente usato in senso spregiativo e fatto proprio con orgoglio e coraggio dalle attiviste britanniche – fu Emmeline Pankhurst, interpretata da una straordinaria Meryl Streep che – diciamolo – nella sua eccezionale carriera non ha mai toppato un ruolo. Protagonista del film diretto dalla regista britannica Sarah Gavron è Maud Watts, giovane lavandaia orfana di madre dall’età di quattro anni e ignara dell’identità di suo padre. Mandata in centro città dal padrone della lavanderia per una banale commissione, Maud si trova coinvolta suo malgrado in un’azione dimostrativa messa in atto da uno sparuto gruppo di suffragette, tra le quali la giovane donna riconosce una collega, Violet.

suffr3
Una scena del film che ritrae Violet e Maud, rispettivamente interpretate da Anne-Marie Duff e da Carey Mulligan.

Turbata e ignara del significato dei disordini che avevano creato allarme in città, Maud viene a conoscenza della missione delle suffragette e si unisce a loro intraprendendo una battaglia che l’avrebbe condotta di fronte al primo ministro britannico David Lloyd George. Arrestata più volte, Maud perderà il posto di lavoro e la fiducia del marito, che – travolto dall’onta del disonore – decise di affidare il loro figlio ad una coppia di sconosciuti per la presunta impossibilità di occuparsi di lui. Continua a leggere “SUFFRAGETTE – IL FILM. Riflessioni (antiretoriche) sul tema.”

ENRICO BRIZZI, storia di un amore adolescenziale

image.jpeg

Un libro è più della storia che racconta, un libro rappresenta per noi ricordi e stati d’animo. Ogni libro che ho letto è in grado di proiettarmi nel passato e ricostruire spontaneamente una catena di ricordi che rievocano sensazioni, luoghi, persone.
Curiosando tra gli scaffali della mia libreria casalinga ho trovato “Bastogne”, secondo romanzo di Enrico Brizzi, lo stesso Enrico Brizzi che aveva esordito con il tanto amato “Jack Frusciante è uscito dal gruppo”. Con la memoria ritorno al periodo delle medie, in un pomeriggio d’estate, un volto di un cara amica divenuta anche lei libraia negli ultimi anni, la biblioteca di Trezzo sull’Adda allora un paradiso nel quale ancora non mi sapevo destreggiare, la curiosità che si concretizzava nella visione frenetica volta a catturare il maggior numero possibile di titoli. E poi il titolo, quel titolo che sancisce lo stop di quella voracità cartacea. “Bastogne”. Continua a leggere “ENRICO BRIZZI, storia di un amore adolescenziale”